Adult Stories Forum

Go Back   Adult Stories Forum Historias de sexo italiano Anal

Reply
 
LinkBack Thread Tools Search this Thread Display Modes
DurumOffline
No Avatar
Uyarý:
Profil detaylarýný görmek için üye giriþi yapmalýsýnýz

Üyeliðiniz bulunmuyorsa Kayýt ol linkine týklayarak kayýt olabilirsiniz.

Io Davide - Capitolo 4

 
Post #1


Io Davide - Capitolo 4Capitolo 4 Questa volta il viaggio verso casa in treno fu un'esperienza molto migliore, perché Lorenzo era con me. Lui mi indicò i vari a****li che incontrammo e mi raccontò la storia della città, tutto quello di cui era a conoscenza. Durante il viaggio ci guardavamo continuamente e non c'erano dubbi nella mia mente sui messaggi che mi spediva. Lo facevamo con prudenza in modo che non fosse troppo ovvio che eravamo innamorati. Dentro di me pensai a come sarebbe stato essere due innamorati gay nel secolo precedente. Un giorno o l'altro scriverò di questa mia fantasia e la condividerò con Lorenzo. Sospirai e guardai gli alberi scorrere davanti al finestrino. Dopo poco Lorenzo mi batté su una spalla. ?Un panino?? Mi chiese.?Grazie.? Risposi prendendo il panino. ?Cos?hai in mente? Mi sembri pensieroso.??Mi sto chiedendo come i miei genitori ed i tuoi reagiranno quando scopriranno di noi.??Anch?io ci sto pensando. Ma penso che dovremo preoccuparcene quando sarà il momento. Penso che ne usciremo illesi, purché teniamo i nervi saldi e restiamo veramente calmi. Questo ci aiuterebbe a dimostrare loro che siamo responsabili ed abbastanza maturi per gestire una relazione tra di noi.??Io ho sentito dire da alcuni adulti che ai ragazzi non dovrebbe essere permesso avere alcun genere di relazione, sia etero che gay, specialmente gay. Ho sentito dire che i gay sono costretti a tenere nascoste le loro relazioni. Nessuno mi ha costretto a stare con te, Lorenzo. Noi abbiamo scelto di stare insieme e spero che continueremo a volerlo. Io voglio ribellarmi e lottare per il nostro diritto di stare insieme, felici e vivi, e di amarci.? Lorenzo accennò col capo: ?Oh sì, anch?io ne ho sentito. Mi chiedo se gli adulti hanno veramente la testa sulle spalle come loro dicono. Io so che i miei genitori sono persone molto assennate e sono sicuro che ascolteranno le nostre ragioni perché noi ci amiamo. Spero che i tuoi genitori siano anche loro questo genere di persone.? ?So che lo sono, sanno già che sono gay e sembra che abbiano accettato bene il fatto. Spero solo che tu gli piaccia.??Lo scopriremo presto, non è vero??Il treno arrivò un ora dopo in stazione, vidi i miei genitori sulla banchina che guardavano nei finestrini.?Lorenzo, ho visto i miei genitori!? Dissi emozionato.?Io sto vedendo i miei e sono con i tuoi!? ?Andiamo, uomo!? Lo spronai.Saltammo dal treno sulla banchina. Mamma e papà sembravano delle persone differenti. c'era stato qualche cambiamento ed io avevo la sensazione che era stato un cambiamento positivo. Mi sorrisero ed agitarono la mano. ?Mamma! Papà!? Gridai correndo verso di loro ed abbracciandoli.Mi sentivo così bene ad essere di nuovo con loro. È vero che eravamo in una città diversa, ma non mi importava affatto. Casa è dove scegliamo di essere e la mia casa era con i miei genitori.?Ciao, figliolo!? Esclamò papà.?Papà, tu e la mamma sembrate così.... diversi.? Affermai.?È perché siamo in una città nuova e ricominciamo le nostre vite, Davide. Mamma ed io ora abbiamo l?opportunità di recuperare tutto il tempo perduto che avremmo potuto passare con te. Ora le cose saranno così diverse per noi tre.??Figo!? Esclamai.La mamma rise: ?Anch?io lo penso.??Vieni, andiamo a vedere la nostra nuova casa.? Disse papà. Vidi Lorenzo ed i suoi genitori nel parcheggio e sembrava che stessero conversando su qualcosa di molto importante. Vidi che lo abbracciavano e improvvisamente capii che gli aveva detto che lui ed io eravamo innamorati.?Mamma, papà, vi voglio presentare Lorenzo, il mio amico al campo.? Dissi conducendoli verso di loro.?Salve, piacere di conoscervi.? Disse papà dando loro la mano.?Mamma, papà, noi siamo.... innamorati.? Dissi piano.Mamma e papà rimasero immobili per un attimo, poi sorrisero. ?Benissimo, figliolo. Dopo che abbiamo incontrato Giorgia e Carlo, i genitori di Lorenzo, ed abbiamo parlato con loro, abbiamo sperato che voi due vi foste incontrati.? Disse papà.Carlo accennò col capo: ?Quindi è accaduto. Sono felice per voi due e spero che vi rivolgerete a noi quando avrete bisogno di aiuto.??Noi ci saremo sempre ed ogni qualvolta avrete bisogno di qualcuno che vi ascolti.? Disse la mamma.?Noi siamo più vecchi ed un po' più saggi, capiamo quello che vuol dire essere innamorati. Io non so quello che è essere gay, ma se vuol dire che voi due siete innamorati, allora questo va bene.? Disse Giorgia. Io ero in estasi: ?Grazie a tutti. Vi amo.? Dissi con un nodo in gola. Anche Lorenzo era emozionato e ci abbracciammo tutti. Papà aprì una macchina a cui stavamo vicino e ci fece segno di entrare. Partì ed io guardai la bella città dal finestrino, mi sembrò un paradiso. Quando parcheggiammo non ebbi la sensazione di arrivare in una casa dove non ero mai stato prima, ma un luogo dove avevo vissuto a lungo. La casa era incredibile, era a due piani e mi sembrava di averci vissuto per anni. Stando nel giardino anteriore e guardandola, improvvisamente mi emozionai e cominciai a piangere.?Cosa c?è, figliolo?? Chiese papà e mi abbracciò con forza a lungo. Mi lasciò piangere per un po', poi sentii anche le braccia di mamma che mi circondavano. Vidi lacrime nei suoi occhi e capii che anche lei era stata colpita allo stesso modo. C'era una grande magia in quel luogo che in quel momento ci faceva sentire più vicini che mai. Lorenzo fece scivolare un braccio intorno a me.?Benvenuto a casa, amore.??Grazie, Lorenzo.? Bisbigliai. Mamma e papà mi condussero in casa e Lorenzo andò a casa sua. Sarebbe tornato più tardi o il giorno dopo. Mi fecero girare per la casa. Il soggiorno era ampio e la cucina era molto carina come il piccolo ufficio che mamma si era approntato. Papà mi fece salire al piano superiore e si fermò davanti alla prima porta.?Questa è la tua stanza.? Disse, poi aprì la porta. La stanza era il doppio di quella che avevo prima. Vidi un divano, una poltrona, una tv ed una scrivania molto più grande per il mio computer ed altre cose. Ma fui ancora più eccitato quando vidi il mio bagno privato.?Wow! Splendido!? Esclamai.?E non è tutto.? Sorrise la mamma.Scendemmo le scale e mi mostrarono il cortile posteriore, avevamo un bacino privato sul lago ed una piscina tutta nostra.?Potrai allenarti e seguire il tuo sogno.? Affermò papà.Io ero felicissimo, ora la vita era perfetta. Ritornammo dentro a celebrare la nostra nuova vita lì. Andai a letto da solo nella mia stanza quella sera e sognai me e Lorenzo che eravamo insieme felici. Lorenzo venne la mattina seguente per aiutarmi a sistemare mia stanza.?Qui è così figo!? Disse.?Non devi dirmelo due volte. Io sono veramente felice. Io riesco a spiegare perché ho pianto ieri, credo che fosse troppa l?emozione.??Eh capisco. La vita è cambiata drasticamente per te, ed in meglio. Dopo aver messo a posto andremo a fare un giro in città e potrai incontrare gli altri membri della squadra di nuoto al Macdonald.??Io non ho più la bicicletta.??E cos?è quella qui fuori?? Chiese lui guardando fuori della finestra della mia stanza.Guardai giù e vidi papà che mi indicava una bicicletta nuova vicino a lui.?Oh mio dio!? Gridai correndo giù per la scala. ?È per te, figliolo. Abbine cura.? Ci saltai su, Lorenzo saltò sulla sua e partimmo. Mi condusse in centro in un piccolo ristorante. Entrammo e Lorenzo si diresse verso una ragazza molto alta.?Ehi, Caty, come va?? Disse.La ragazza si girò.?Sei ritornato!? Esclamò lei.?Si e ho portato un amico con me. Penso che sarà un grande acquisto per la squadra.?Lorenzo mi presentò agli altri. C'era Gianni, un bel ragazzo con un grande senso dell'umorismo. Stefano era basso ed era il capitano della squadra. Riccardo era alto come me. Tutti mi salutarono e mi fecero sentire il benvenuto.?C'è l?allenatore Doni!? Esclamò Gianni.Vidi un uomo con un petto enorme venire verso di noi. Qualche cosa in lui me lo fece piacere subito.?Ciao, Lorenzo. È questo il tuo amico, Davide?? Chiese.?Sì signore.??Bene. Ho con me la chiave della piscina se vuoi provare ora.? Disse guardandomi.Lo guardai diritto negli occhi: ?Facciamolo.?La piscina non era troppo lontano e l'allenatore mi prestò un costume da bagno. Me lo misi nello spogliatoio e mi rilassai per un momento. Poi uscii e feci tutto quello che mi veniva chiesto.?Hai sicuramente tutti i requisiti, Davide. Sei arruolato.? Disse l'allenatore e la mia vita divenne ancora migliore.?Grazie, signore.? Dissi.?Dovrai lavorare sodo, baby. Ma sono sicuro che lo farai.? Disse sorridendo.Gli altri ragazzi applaudirono ed io mi sentii veramente parte del gruppo. Lorenzo rimase con me quella sera. Facemmo la doccia insieme e poi ci sdraiammo sul mio letto a rilassarci. Lui mi stringeva a sé ed io mi sentivo veramente bene. Sentii la punta delle sue dita morbide muoversi su e giù sul mio torace, dai capezzoli all?addome. Lentamente cominciai a rabbrividire e Lorenzo capì che ero eccitato. Guardò il mio uccello crescere ed allungarsi e ne controllò la durezza con la mano.?È così duro, Davide, così duro e forte.? Mi bisbigliò in un orecchio. Sospirai sentendo il piacere crescere dentro di me. Lui mi abbracciò e poi mi lasciò andare. Sentii le sue labbra sulle mie e sentii la gioia aumentare dentro di me. Era ciò che veramente volevo. Lo volevo ed amavo Lorenzo in quel momento più che mai. Risposi al bacio il più appassionatamente possibile. Spostai la punta delle dita giù lungo la sua spina dorsale e lo sentii lamentarsi piano nel mio orecchio. Quello mi eccitò più di qualsiasi altra cosa. Il mio corpo si mosse come se fosse guidato da qualche cosa che non sapevo cosa fosse. Mi sentivo come se stessi galleggiando a mezz?aria ed il corpo di Lorenzo vicino a me mi convinse che quello era realmente ciò che stava accadendo. Sentii scivolare il mio cazzo nella sua bocca ed il suo cazzo nella mia. Fummo congiunti da quell?atto, succhiando e leccando uno la virilità dell'altro. Venimmo simultaneamente, ciascuno succhiando ed ingoiando lo sperma dell'altro. Quell?atto mi lasciò esausto, ed anche Lorenzo lo fu. Restammo sdraiati vicini, i nostri corpi coperti di sudore allacciati. Io tirai le lenzuola su di noi. ?Ti amo.? Bisbigliai nell'orecchio di Lorenzo.?Ti amo, Davide.? Mi bisbigliò lui e ci addormentammo insieme.
01-09-2022, at 12:43 AM
Alýntý
Reply

« in campeggio | - »
Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes



Powered by vBulletin® Version 3.8.11
Copyright ©2000 - 2022, vBulletin Solutions Inc.
izmir escort escort izmir gaziantep escort poker oyna poker oyna poker oyna poker oyna poker oyna izmir escort malatya escort bayan kayseri escort bayan eryaman escort bayan pendik escort bayan tuzla escort bayan kartal escort bayan kurtköy escort bayan ankara escort ... bursa escort bursa escort bursa escort ... kayseri escort izmir escort seks filmi izle