Adult Stories Forum

Go Back   Adult Stories Forum Historias de sexo italiano Anal

Reply
 
LinkBack Thread Tools Search this Thread Display Modes
DurumOffline
No Avatar
Uyarý:
Profil detaylarýný görmek için üye giriþi yapmalýsýnýz

Üyeliðiniz bulunmuyorsa Kayýt ol linkine týklayarak kayýt olabilirsiniz.

Il Profumo - Non sono solo Storie

 
Post #1


Il Profumo - Non sono solo StorieSono Alina e quella che vi sto per raccontare è solo una di tante storie vere che rasentano l?incredibile. Siamo sposati da qualche anno, ma ci conosciamo da una vita, la nostra relazione è iniziata quando eravamo appena adolescenti, quando in TV in prima serata trasmettevano Beverly Hills e sul tardi per i più audaci Colpo Grosso, quando ai piedi si indossavano le Buffalo, il Festival bar era sacro, ci si telefonava dalle cabine telefoniche con le prepagate e i più fortunati smanettavano in chat su MSN. Bei tempi?Io e Alessio ci amiamo tanto, siamo entrambi innamorati pazzi l?una dell?altro, fisicamente di bella presenza, spigliati, dotati di un forte carisma, amanti dei viaggi e soprattutto curiosi. Come i nostri amici ci dicono sempre: ?L?esempio vivente della coppia perfetta?! Ed è vero, lo siamo?E? proprio per curiosità, che circa un anno fa, abbiamo deciso, insieme, di aggiungere un pò di pepe alla nostra vita sessuale. Non che tra di noi ci fossero dei problemi , anzi, tutto andava alla perfezione, tra noi il sesso non mai stato un tabù, sino dalla prima nostra volta c?è sempre stata una forte intesa, nonostante io rispetto a lui sia meno propensa a fare nuove esperienze.La vita sa sempre come stupirti, senza nessun preavviso ti spiazza e ti sconvolge, presentandosi come la tua migliore amica, ti consiglia. Capitò quasi per caso, una sera, dopo un?ottima cenetta a casa dei nostri migliori amici, Marta e Luis. Per noi iniziò la nuova avventura.Con loro siamo amici da due anni, ci siamo conosciuti durante la nostra ultima, indimenticabile, vacanza a Tenerife, loro una copia fantastica, molto innamorata e simpaticissima. Marta è una donna straordinaria, di una simpatia unica, vive la vita con spirito libertino e sa sempre come divertirsi e rallegrare le nostre serate. Una trentenne niente male, capelli lunghi lisci, che li arrivano quasi al sedere, non tanto alta e con un corpicino in carne che farebbe invidia a tante.Luis, che dire? Un bel Maschio!Più giovane di due anni, di bella presenza, fisico asciutto, caratterialmente opposto alla sua lei. Taciturno, dedito al lavoro, uno sguardo impenetrabile ma, molto sensuale. Molto.Tra noi c?è stato da subito un grande feeling, un attrazione simile al classico colpo di fulmine, ma allargato.Ti accorgi subito quando le persone hanno quel magnetismo a cui non puoi sfuggire, che ti attrae, che ti fa schiava, che desideri e a cui non puoi rinunciare. Come la terra attrae la luna, una volta incontrate, non puoi non stare vicino a loro, girarci insieme e insieme viverci; sentirsi un?unica cosa, ammettere che la perfezione è nel unione, come la notte e il giorno formano il tempo, insieme, noi ci completiamo. Questo loro sono per noi. E noi questo siamo per loro.Inizio tutto per gioco; quel sabato sera di inizio novembre, ci recammo a casa loro per la nostra seratina mensile, viviamo a circa 100 km e come consuetudine, ogni primo weekend del mese, ci incontriamo nella loro cascina in campagna per stare insieme. L?appuntamento era per le 19.30, arrivammo puntuali, Alessio è un maniaco della precisione, e anche la volta non si smentì; Lo adoro, ma la sua precisione mi infastidisce, non la sopporto, sarà perché io invece non sono per niente puntuale, a me piace prendere tempo, la vita non è fatta per essere scandita, va solo vissuta.Imbucato il corto vialetto in selciato parcheggiamo la macchina proprio con il muso fronte all?ingresso della cascina. Mi girai alla mia destra e notai che le luci della cucina erano accese e dal finestrone che dava sul porticato esterno, si intravedeva la sagoma di Marta china a controllare il forno. Mi colpì il suo abbigliamento, indossava un tubino nero molto corto e aderente che poco lasciava alla immaginazione. Quella vista mi incuriosì parecchio, per qualche secondo mi fermai ad osservarla; vederla in quelle vesti mi risultò inusuale, perché lei generalmente indossava abiti casual e comodi.Ancora stimolata dalla scena appena vista, scesi dalla macchina e mi diressi direttamente all?uscio di casa appena socchiuso e feci per entrare. Alessio, da buon gentiluomo, si accostò al portabagagli della macchina per recuperare il portavivande e la o come la chiamo io, quella inutile valigia refrigerata per il vino. Esatto, un?altra sua fissazione: il vino! Questa però non mi dispiace, anzi, diciamo pure che la adoro, uno dei mie regali meglio riusciti, infatti, è stato il corso di secondo livello per . Mai regalo fu più gradito! Luis mi aspettava nello stretto corridoio, vicino alla porta d?ingresso, appena spinsi la porta scorse la mia sagoma, si avvicinò sorridendomi e come sua abitudine, da vero gentleman quale è, mi salutò con un elegantissimo baciamano e un successivo tenero abbraccio. Aveva un profumo nuovo, inebriante, un mix eccitante di sandalo e ambra, che porto la mia fantasia alle fragranze esotiche tipiche dei mercatini indiani.Non potei non sentirlo , mi pervase, facendomi quasi rabbrividire, istintivamente chiusi per un attimo gli occhi e feci un respiro profondo che gonfio il mio petto spingendo involontariamente i miei seni sul suo vigoroso torace. Indossava una camicia di seta nera, elegante ma molto leggera, il contatto con il suo corpo stimolò i miei capezzoli che si fecero subito duri, non indossavo il reggiseno e la poca stoffa che separava il mio corpo dal suo amplificò la sensazione. Luis si accorse della mia reazione e mi strinse ancora più forte, per poi lasciarmi e salutarmi guardandomi dritto negli occhi, dicendo: «Benvenuta mia dolcissima Anita, prego accomodati?» Per pochi secondi la mia mente si rifiutò di interagire con il mio corpo, come se avesse bisogno di tempo per immagazzinare quelle piacevoli e inaspettate sensazioni.Sentendo la mano di Alessio poggiarsi sulla mi spalla destra, ebbi un sussulto, mi senti come quando ci si sveglia da un piacevole sogno e ancora non si è metabolizzato di essere vigili, mi girai quasi spaventata e con un forte senso di torpore. Porsi la mano per prendere il portavivande, ma Luis con un movimento repentino mi anticipò, il suo braccio muscoloso, nel movimento, sfiorò nuovamente il mio seno sinistro, ancora inturgidito. Non ci potevo credere, subito senti un senso di umido e calore pervadere il mio intimo. Com?era possibile? Un semplice struscio involontario non poteva provocarmi questo effetto! Cosa mi stava succedendo? Diventai rossa e subito mi spostai lateralmente per far passare Alessio con il suo amato e ingombrante .Dentro di me mi senti in colpa, quasi sporca, fu questa la percezione, come se quelle emozioni fossero un tradimento nei confronti del mio amato. Fino ad allora le avevo provate solo con lui, non mi era mai capitato che un altro uomo potesse stimolarmi a tal punto.Confusa e con il timore che Alessio si accorgesse del mio imbarazzo, con la scusa di lasciare spazio, mi spostai di lato invitandolo a precedermi.Entrammo in cucina.Poggiato il portavivande, Luis, salutò con una vigorosa stretta di mano Alessio dandogli un? amichevole, ma energica, pacca sulla spalla destra; forse un pò troppo energica visto che lo fece traballare. «Ehi Luis, Vedo con piacere che la palestra sta facendo i suoi effetti!» Esclamo Alessio sorridendo. «Attento però, non vorrai lasciarci senza vino per la cena!». Ci fu una fragorosa risata generale, che mi tranquillizzò. Marta, totalmente assorta nella preparazione della cena, non si accorse subito della nostra presenza, fu l?energia delle risate che la portò a girarsi e a raggiungerci per salutarci, con un agile s**tto, degno dei migliori centometristi, si catapulto sopra di me, saltandomi letteralmente addosso, abbracciandomi e stringendo le sue gambe al mio bacino. E? pazza! Solo lei è capace di queste cose!Pazza, ma soprattutto non cosi leggera; sarà stato l?impeto o meglio dire i suoi 58 chili, fatto sta che il suo slancio, nonostante i miei 175 cm e i mie 65 chili, mi fece sbilanciare leggermente e temendo di cadere afferrai con energia il suo sedere.Il mini tubino, che fasciava le sue curve, si sollevò lasciando in bella vista gran parte delle sue tonde e sode natiche. Istintivamente cercai lo sguardo di Alessio e notai il suo cambio repentino di espressione, non credo avesse mai visto un culo nudo oltre il mio, nel suo sguardo si scorgeva imbarazzo ma anche stupore, notai inoltre la sua gola deglutire.Esatto, un culo nudo, si, nudo?Marta non indossava le mutande, sotto il suo esile vestitino non aveva intimo, mi accorsi subito dal contatto delle mie mani sulla pelle delicatissima e ne ebbi la conferma nel momento che si divincolò da me.Una volta in piedi, con quel sorrisino beffardo che la distingue, compiendo un leggero saltello, si girò al volo incurvando leggermente la schiena e allo stesso tempo sollevandosi ulteriormente il tubino, mi chiese con fare ironico:«Alina? Ti piacciono le mie nuove mutandine?» e , ancora, sempre con un piccolo saltello, questa volta girandosi nella direzione di suo marito, piegando leggermente il basso ventre, per mettere ancora più in evidenza il suo posteriore: «Belle vero? Ti piacciono vero? A me si! Sono Comodissime».La situazione divenne irreale, io e Alessio ci guardammo in faccia, vedevo nel suo sguardo attonito un crescente imbarazzo, davanti a se aveva una donna con il culo marmoreo completamente nudo in bella vista, due natiche che sembravano realizzate da Michelangelo, bianco, sodo, armonioso. Vidi i suoi occhi muoversi, come di nascosto, per osservarlo, e anche io feci lo stesso senza però farmi notare, d'altronde si sa che l?uomo non può mentire con lo sguardo, ma le donne si, avendo una visone periferica più sviluppata. Aveva una luce diversa, ciò che vedeva era di suo gradimento, l?espressione del suo viso era chiara, i suoi occhi stavano cercando i particolari.Un po? come quando si osserva un opera d?arte per carpire i dettagli che la differenziano da un opera qualsiasi, stava minuziosamente analizzando quel fondo schiena, come per farne una radiografia da conservare nella testa. Neanche io, riuscì a distogliere lo sguardo dal quel Michelangelo, in un batter di ciglio quei dettagli apparvero davanti ai miei occhi, e la cosa accese, nuovamente in me, quel torpore che apparentemente si era sopito. Rimasi come ammaliata dalla sua vagina appena depilata, in quella posizione si intravedevano le sue grandi labbra carnose, grosse e strette, una affianco all?altra come strette in un abbraccio caldo che pareva complice chi sa di quanti misfatti. No ci potevo credere, stavo ammirando una vulva! O meglio una vagina depilata e la cosa non mi dispiaceva.Ho sempre desiderato averla senza peli, Alessio la preferisce naturale, lui dice che una donna non è donna senza peli nell?intimo. Beh punti di vista?«Pazza!!! Marta? ti stai bevendo le ultime gocce rimaste del cervello?! » Esclamò Luis con tono scherzoso.Si accostò a lei poggiandosi sul nudo sedere, come per nasconderlo, e mentre con una mano, cingendoli il seno la sollevò con l?altra con un movimento veloce portò giù il tubino. Lo spettacolo era finito pensai.Mai pensiero fu cosi sbagliato.Marta si ricompose, come nulla fosse successo, vi avvicinò ad Alessio per salutarlo, lo abbraccio forte e lo bacio delicatamente sulla guancia destra. «Come stai caro? Ti vedo in ottima forma» disse.Senza neanche aspettare la sua risposta si spostò di fretta a controllare il forno. La capì. In effetti, il leggero odorino che lentamente avvolgeva la stanza, non prometteva nulla di buono. Alessio rimase li basito, credo non abbia mai assimilato bene cosa fosse successo in quei pochi istanti, so di certo questo, perché si eccitò. In fondo è risaputo, quando un uomo è eccitato non ragiona più con la stessa testa, il problema è che l?altra non è fatta per conservare i ricordi e poi, il gonfiore della patta dei suoi pantaloni aderenti, ne fu la prova. Al momento non glielo feci notare, infondo quella visione non mi dispiacque, anche io ero eccitata.La cena era quasi pronta, Alessio e Luis, come da rituale, si recarono in cantina per dare al vino, appena portato, le giuste ?coccole?, necessarie, per esaltare al massimo il gusto. Mi avvicinai da Marta, sentivo dentro di me una sensazione stranissima, mai provata. Per ben due volte mentalmente avevo tradito mio marito, la prima appena entrati in casa, la seconda, e qui la cosa per me fu difficile da assimilare, osservando il culo di una donna. Ero imbarazzata e per evitare che lei si accorgesse, dopo averla rassicurata sul fatto che la Saker in forno non si sarebbe rovinata, con la scusa di un imminente bisogno fisiologico, chiesi il permesso di andare alla toilette.Marta, rannicchiata con lo sguardo fisso al forno, voltandosi verso di me, mi disse: «Certo amore, ci mancherebbe! Sei a casa tua, fai quello che ti sembra giusto, però non tardare tra 10 minuti si cena?». Non esitai un istante e mi catapultai in bagno. Dentro di me le emozioni si combattevano, sensazioni nuove che si scontravano con la mia morale. «Alina» mi dicevo: «Cazzo! ti sei eccitata guardando una donna! Ma cosa ti succede!» mi sentivo sporca, ma allo stesso tempo, quelle sensazioni mi piacevano. Fissai lo specchio, era una specchiera realizzata da dei pallet riciclati, opera di Marta. In quel arredo c?era tutto il suo stile, c?era lei. Carattere forte il suo. Donna matura con una personalità che definire variegata è un eufemismo.Avvocatessa penale di successo, nonostante la giovane età, tra le più richieste grazie ad a alcuni casi di stalking vinti, contro ogni pronostico, ora gestiva insieme a suo fratello lo studio di famiglia.Nonostante la sua sia famiglia benestante, da quando la conosco, non hai mai ostentato la sua ricchezza, sempre moderata nel vestire, parsimoniosa nelle spese, ambientalista convinta e di una simpatia disarmante.Per intenderci una sexy versione femminile di Mr. Hyde, sadica e spietata a lavoro e una simpaticissima versione libertina di Dr. Jekyll nel privato. Un diavoleto della Tasmania o più semplicemente, come la chiamo io, ?Tas?.E si, Tas! «Mamma mia, che mia hai fatto Tas?»Questo chiedevo alla mia immagine riflessa nello specchio, convinta di avere una risposta. Sentivo il bisogno di confidarmi su quello che mi era appena successo, tenermi dentro quelle emozioni mi avrebbe logorato in poco tempo. Non accettavo di avere provato attrazione per lei e tanto meno gradivo il fatto che la cosa mi provocasse piacere. Ma mi sentivo eccitata. Parecchio eccitata. Troppo eccitata.Avevo lo sguardo perso nello specchio, non vedevo la mia faccia , non mi riconoscevo, e come se riflessa ci fosse stata un?altra donna. Persa in quei pensieri, notai alla mia desta il cesto della biancheria sporca, no so perché, ma come se una forza sconosciuta mi guidasse, mi girai e lo aprì.Il cesto sembrava vuoto, ma a guardando meglio mi accorsi che all?interno, sul fondo, c ?era un perizoma in pizzo nero.Era una brasiliana a vita bassa molto elegante, decisi di prenderlo in mano per vederlo meglio, da vicino notai che era di ottima fattura, era sicuramente un capo firmato. Lo desiderai. Non uso spesso questo tipo di intimo, ma per le occasioni speciali non mi dispiace valorizzare la mia femminilità.Il tessuto delicato e la sua trasparenza mi affascinarono subito, volevo sentirlo addosso. Volevo sentire come mi stava, capire se fosse fastidioso o come pensavo comodo.Non era il mio però. Ho un forte rispetto per le cose altrui e soprattutto in questo caso, si trattava di intimo.Troppo personale. Impazzirei sapendo che qualcuno si permettesse di usare un mio capo senza il mio permesso, in fondo anche se mi viene difficile ammetterlo, sono una gelosa cronica.Non li resistetti, a****culo la mia morale! Pensai. Nessun si sarebbe accorto e in ogni caso era nel cesto della biancheria sporca, quindi il suo futuro prossimo era semplice da intuire. Lavaggio per capi delicati.Alzai fino al ventre il vestitino nero a mezza gamba che indossavo e sfilai le mutandine nere; no erano certo all?altezza della brasiliana di Taz, ma tutto sommato non mi dispiacevano. Anche perché ad Alessio piacevano parecchio. Me le regalo un po di tempo fa e mi chiese se potevo usarle per i Special Days, come li chiama lui, sarebbero state il segnale che ero disposta a fare sesso con lui.Abbiamo parecchie regole, potrebbe sembrare opprimente la cosa, ma per noi solo alla base del nostro rapporto, sono scelte condivise e accette insieme. Sfilate le mutandine mi accorsi che erano intrise dei miei umori, non pensavo di essermi eccitata al quel punto. Le avvicinai al naso per annusarle credendo che potesse essere una perdita mestruale, ma il loro odore non lasciava dubbi.Il contatto con Luis e la visione del culo di Taz mi avevano fatto bagnare e anche tanto.L?odore intenso dei miei umori stimolarono nuovamente la mia eccitazione, questa volta però, sarà stata l?intimità della sala da bagno, la luce tenue e calda dell?illuminazione o molto più probabilmente l?aroma di Sandalo e Patchouli presente nell?aria, fecero della mia eccitazione una voglia da appagare. Non mi sentivo più imbarazzata.Presi la brasiliana con la mano sinistra e la portai con delicatezza all?altezza del mio naso, sfiorandolo. Chiusi gli occhi. Inspirai con tutta la capienza che avevo nei polmoni. L?odore che senti mi risultò famigliare, era quello del profumo di Luis misto all?odore del sesso femminile. Senti un brivido lungo tutta la schiena e l?interno cosce inumidirsi. Non potevo resistere, mi guardai allo specchio e vidi la mia faccia avvolta da quelle mutande. Lo stavo facendo davvero. Stavo odorando l?intimo di Taz. Con una leggera pressione avvicinai il perizoma portandolo a contatto con il viso e nuovamente inspirai, questa volto molto lentamente. Fu quello il punto di non ritorno.Con la mano destra, incominciai a accarezzare l?interno cosce, senti i miei fluidi defluire lungo le gambe. Erano caldi e abbondanti. Lentamente lasciai che la mano, quasi, come guidata sfiorasse la parte inferiore della mia vagina. Il calore che il mio corpo trasmetteva mi fece eccitare ancor di più.Con l?indice incominciai a risalire tra le pareti delle grandi labbra, erano gonfie e perfettamente lubrificate.Il respiro si fece più veloce, ma sempre, attenuato dal intimo che tenevo sul viso. Quell?odore mi stava facendo impazzire. Il movimento lento dell?indice si trasformò in brevissimo tempo, in un ritmante sali e scendi lungo la fessura della mia vulva. Ormai ero fradicia, ero pronta per raggiungere l?orgasmo.Non ci volle molto. Infilai il mio dito medio nella fessura e con il pollice incominciai a massaggiare delicatamente il mio clitoride. Ebbi un sussulto appena mi resi conto che era completamente esposto.Non mi era capitato mai. La pressione del pollice mi provoco scossa di piacere e un piccolo lamento usci dalla mia bocca. Mi bastò esercitare una leggera pressione all?interno della vagina e alcuni movimenti circolari attorno al clito per raggiungere l?orgasmo.Un fiume di fluidi si riversarono giù lungo le gambe, un tremore generale incontrollabile mi fece inginocchiare, strinsi con forza le mutande sulla bocca per evitare che i miei gemiti potessero attirare attenzione. Stavo impazzendo dal piacere. Non mi era mai capitato di godere in quel modo con l?autoerotismo.Mi lasciai cadere a terra esausta continuando ad annusare l?intimo di Taz, finché, a un certo punto, qualcuno busso alla porta.Ebbi un sobbalzo, istintivamente lanciai le mutandine lontano da me e copri il mio intimo con le mani.«Alina, su dai sbrigati stiamo aspettando te, la cena è pronta.» Era Marta. Continua?
06-25-2021, at 01:04 AM
Alýntý
Reply

Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes



Powered by vBulletin® Version 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, vBulletin Solutions Inc.
izmir escort escort izmir gaziantep escort poker oyna poker oyna poker oyna poker oyna poker oyna izmir escort malatya escort bayan kayseri escort bayan eryaman escort bayan pendik escort bayan tuzla escort bayan kartal escort bayan kurtköy escort bayan ankara escort ... bursa escort bursa escort bursa escort ... kayseri escort izmir escort